I Mille

Pensiero Fossile | Prima della Storia

Garibaldi è un rivoluzionario e un idealista, il suo pensiero, lontanissimo dall’essere conciliante, è violento e veemente. Le cose che dice, potrebbero esser state scritte oggi, tanto sono attuali. Niente di più lontano dalla figura addomesticata che la storia scolastica ci ha passato.
Ci hanno abituato a un Garibaldi personaggio a margine, un po’ folkloristico – con la sua indiscipina e il suo poncho – ma che comunque, in maniera in fondo borghesemente rassicurante ”obbedisce”. I Mille non è un bel libro – sinceramente Garibaldi scrive da cani – non scorre d’un fiato, ma è un libro indimenticabile. Dopo non vedrete più le cose con gli stessi occhi. E questo è il compito della letteratura.

...
Il male che dico del governo, credo sia inferiore ai meriti dello stesso, e desidero si creda che non per sistema io lo maledico, ma per puro convincimento di far bene, accennando al male.
Che la Monarchia per interesse proprio abbia secondato le aspirazioni nazionali nell'unificazione patria credo assurdo il negarlo, siccome assurdo sarebbe il negare aver la Democrazia seminato i campi di battaglia coi suoi martiri nell'intento solo generoso dell'unificazione dell'Italia e della sua emancipazione dal dominio straniero e teocratico.
Alcuni pochi che nelle fila della Democrazia pugnarono per il proprio avvenire, oggi si trovano nel Consorzio Monarchico, e quindi divisi dalla stessa, ed obbligati a continuar col governo la via di perdizione.[...]
Perseguitino pure l'Internazionale, cioè la miseria da loro creata e mantenuta - spargano pure sulla superficie dell'Italia, colla solita intenzione di corromperla, i soliti agenti del corruttore supremo di Roma - ed invece di costruire degli Ospizi d'asilo per i tanti condannati a morir di fame in questo inverno di carestia, comprino pure delle nuove tenute di caccia per divertirsi - e nuovi palazzi vescovili - vedremo come se la intenderanno colla fame della moltitudine.
In Germania, tutti lo dicono, non v'è più un solo individuo che non sappia leggere e scrivere. La Francia grida: istruzione ad ogni costo. E l'Italia prodiga il suo erario a pagare dei vescovi e simili agenti delle tenebre.
Ripeto: ve la intenderete colla fame - !
Dei preti dico poco male, me lo perdoneranno i miei concittadini, considerando che pur qualche cosa dovevo mollare alle paterne ammonizioni dello Spigolatore Bolognese all'Unità Italiana (giornale) sulle mie antifone contro i preti.

Download ePub

Autore: Giuseppe Garibaldi
Editore: CastelloVolante|Mur
isbn: 978-88-6399-016-4
0.00Price: