Fine d'Anno

Reincontri | Paola Drigo

Una giovane vedova si trasferisce in campagna per cercare di amministrare direttamente i suoi possedimenti e porre rimedio al dissesto economico in cui si è venuta a trovare. Si dovrà confrontare con l’impenetrabilità del mondo contadino e l’invalicabilità della differenza sociale.

Un romanzo lucido, completamente privo di luoghi comuni. Un sorprendente verismo al femminile ambientato in veneto nelle campagne dell’alto Brenta.

...
In berretto e mantello, con una valigetta in mano, Alberta si affacciò all'uscio della mia stan-za da letto e disse: - Vuoi che resti? Se non ti senti bene non parto.
Notai il suo seno aggressivo che l'ampio scialle di pelliccia non riusciva ad attenuare, il seno della donna matura che esiste senza un perché, senza una giustificazione; e nel viso grasso e olivastro gli occhi vivacissimi rimasti miracolosamente giovani, ridenti e un po' ironici, occhi di diciott'anni, dei tempi del Sacro Cuore.
- No assolutamente, - risposi - ti sei sacrificata anche troppo. La mia indisposizione è cosa da nulla. Parti, parti senza pensiero.
Ci abbracciammo. Sulla soglia ella si voltò, si soffermò ancora un attimo a guardarmi agi-tando la mano piccola guantata di grigio.
- Del resto, - disse, - il tuo aspetto mi rassicura. E... coraggio!
Udii i tacchi alti scandire il ritmo del suo passo attraverso la sala, il rumore secco del richiu-dersi della porta sul giardino, il pulsare della macchina, lo scorrere tacito delle ruote sulla ghiaia; ai cancelli, il clacksong ripetere tre volte il suo rauco grido.
Poi la mia stanza fu sommersa nuovamente nel silenzio.

Eravamo alla fine di dicembre, un dicembre freddo, ventoso; i campi intorno lividi; in mon-tagna, la neve fino a mezza costa.
Per semplificare riscaldamento e servizio, avevo chiuso quell'anno completamente il piano nobile della villa e trasportato i miei appartamenti notturni al pianterreno, in una stanzetta di pochi metri quadrati dove un tempo si mettevano al riparo le seggiole da giardino, una stanzetta tutta porte e finestre che pareva un'uccelliera.
Aveva essa un grazioso soffitto a stucchi, ed era davvero un alloggio originale.
Un semplice cancelletto in ferro e vetro la separava dalla serra, attraverso il quale, dal mio letto, potevo quasi toccare le larghe foglie puntute dei camerops, e i gigli rossi che protendevano verso il sole le teste fiammeggianti; l'altra parete era quasi tutta presa da una finestra di forma biz-zarra, più larga che alta, di dove vedevo le due grandi magnolie solitarie sul prato; nella terza parete, un'altra finestra, differente dalla prima, scavata a imbuto nello spessore del muro come quelle dei castelli, si apriva verso le montagne: azzurre, verdi, nere, nere e bianche, secondo la luce e la sta-gione.
E tutto questo era molto bello, fuor del comune, ed anche grandioso, e mi dava talvolta la curiosa impressione di dormire all'aperto.
Ma naturalmente, sia per i tanti fori nelle pareti, sia perché il calore non veniva alla mia stanzetta che dalla stufa del salotto accanto, non si poteva dire che vi facesse un tepore proprio pri-maverile, e di mobili, oltre al letto e ad una poltroncina, ci stava poco di più.
Io avevo tappezzato quel che c'era di parete con una bella vecchia stoffa di colore smorto, e sopra il mio letto avevo messo quel disegno di Dürer che raffigura una testa di donna con un'espres-sione così triste, così triste, che, guardandola, mi pareva di toccare il mio cuore.
- Che grazioso nido! - dicevano le amiche se nell'attraversare il salotto gettavan l'occhio verso l'improvvisato accampamento.
E qualcuno che non era stato mai qui, si era felicitato della mia decisione di passar l'inverno in campagna: - «Come l'invidio di poter godersi tutto il sole, in una bella villa antica, fra grandi al-beri e vecchie statue» ecc. ecc.
Altri, di tendenze pedagogiche e moraleggianti, aveva esaltato la gioia di vivere «accanto» alla natura; «lungi» dagli arrivismi e dalle «competizioni» che ammorbano l'atmosfera cittadina ecc. ecc., e mi aveva raccomandato di profittare del «divino silenzio» per dedicarmi «all'arte».
I parenti poi, dopo avermi detto in mille occasioni che, loro, in questa solitudine, non ci sa-rebbero stati «neppure dipinti», a fatto compiuto, senza approfondirne i motivi, si erano trovati d'accordo nel sentenziare che la pace campestre e l'aria montanina... avrebbero indubbiamente gio-vato alla mia salute.
In realtà, la pace era relativa, e all'arte e alla salute c'era ben poco tempo e voglia di pensare: io sapevo bene di che si trattava, e sola io, avrei potuto parlare con cognizione di causa di ciò che mi aspettava quell'inverno in campagna.
Sì, stavo nella bella villa antica cogli stucchi alle pareti e alla torre l'orologio del Terracina, e, quando c'era, mi godevo tutto il sole, e potevo passeggiare sotto i grandi alberi come Giuseppina alla Malmaison: questa era una delle facce del quadro; l'altra, spoglia di abbellimenti retorici, era che dovevo stare in campagna quell'inverno, e forse altri inverni ancora, tutt'altro che per un elegante capriccio o per dedicarmi alla vita contemplativa, bensì per prendere in mano personalmente ed e-nergicamente l'amministrazione dissestata.
Avevamo avuto per lunghi anni piena fiducia in un fattore che pareva l'onestà in persona: quest'uomo era morto all'improvviso, stramazzato per sincope in mezzo alla strada, ed ecco alla sua morte erano saltati fuori infiniti malanni, imbrogli, disordini, guai, che mettevano in pericolo il mo-desto patrimonio che provvedeva alla nostra esistenza.
Bisognava correre ai ripari al più presto: innanzi tutto capire, poi, scernere il guasto dal sano, sistemare, semplificare, salvare.
Ed a ciò mi accingevo io, sola, colla mia poca esperienza, colla mia poca salute; questo era il panorama da contemplare: mucchi di conti, registri coll'incomprensibile Dare e Avere, Derrate, Mezzadrie, Stalle, Concimi, Cantine; questo, era il divino silenzio: colloqui interminabili con gente di campagna organicamente reticente e insincera; ore di chiacchiere vacue per cavar fuori una verità piccina piccina e approssimativa; e per di più la sensazione disgustosa della vigliaccheria umana, ché, adesso che il fattore era morto e non ne avevano più paura, i coloni si scagliavano a denunciarlo, ad accusarlo, anche degli imbrogli di cui erano personalmente responsabili.
- Ordine del poro Sior Checo. El poro Sior Checo ga volesto cussì. Ga fato lu.
Ah, la bonaria, la pura, idilliaca gente dei campi!... Da lontano, quando passavo otto mesi dell'anno in città, quando insomma i contadini li vedevo, si può dire, a volo d'uccello, a questa reto-rica avevo creduto anch'io; adesso, avrei potuto giurare che interessanti dal punto di vista umano ed anche artistico lo erano certo, ma bonari e idilliaci assolutamente no, e a starci insieme, e ad aver bisogno di loro per chiarire rapidamente e onestamente una situazione, c'era da rimetterci la vita.

La villa, quasi un castellotto, sorgeva in una delle più solinghe valli del Canal di Brenta, colle spalle addossate alla montagna. Larghe praterie, limitate da una fonda e ondosa cintura di bosco, la isolavano dal mondo.
La cittadina più prossima distava da noi parecchi chilometri: paesi o villaggi vicini non ce n'era; c'erano delle povere case sparse, disseminate in mezzo ai campi o lungo il torrente, al com-plesso delle quali era stato dato un nome. Vi abitavano in antico, favoriti dalla prossimità del confi-ne, i più arditi contrabbandieri, tramutati, nell'epoca di cui parlo, in tranquilli lavoratori, pur conser-vando nell'indole e nei lineamenti qualchecosa di risentito, che si notava.
La villa era circondata da una tenuta piuttosto vasta denominata La Marzòla, appartenente alla nostra famiglia da tempo immemorabile, dove vivevano, tra grosse e piccole, dieci famiglie di coloni: una specie di piccolo feudo costituito da terreni che dalla collina digradavano al piano, e do-ve era in atto la cultura più varia.
C'erano vigneti, frutteti, boschi di castagni e di larici, prati irrigui, campi di grano e di fru-mento; e infine, come un po' dappertutto lungo le rive del Brenta, vaste piantagioni di tabacco.
Le fattorie erano quasi tutte nuove o di recente restaurate; le stalle, le cantine, le concimaie, spaziose e razionali; pozzi artesiani dappertutto: mio marito, poveretto, negli ultimi anni di sua vita aveva profuso molto denaro nella sistemazione della Marzòla.
I nostri cinque fittavoli più importanti rispondevano ai nomi di Battagin, Parolin, Lazzarin, Merlo, Capuzzo. Si chiamavano i minori Titotto, Padovan, Gatto, Pigozzo. E, come dai nomi si comprende, eran tutti del sito, e da lustri e lustri e forse da centinaia d'anni, alle dipendenze della nostra famiglia; taluni erano anche fra loro parenti.
Ma, ciò malgrado, mi ero presto avvista che non vivevano affatto in buon accordo, anzi si invidiavano, si spiavano, e sordamente si odiavano.

Download ePub

Autore: Paola Drigo
Editore: CastelloVolante|Mur
isbn: 978-88-6399-015-7
0.00Price: