Dizionarietto Rompitascabile degli Editori Italiani

Pensiero Fossile |

Il libro è semplice: un elenco di tutti gli editori italiani del 1928, con un piccolo commento per ciascuno. Eppure è un libro bellissimo. Formiggini, è uno di quei personaggi che scompaiono dalla storia, ma che poi, quando si rincontrano per caso sono luminosi. Infine, la nostra riedizione è ripresa da una precedente fatta nel 2004 da Stampa Alternativa. E’ loro il merito di aver ripubblicato il Dizionarietto. Nostro è solo quello di riproporlo. Tra l’altro CastelloVolante non esisterebbe se noi, nel 2004, non avessimo per caso letto il loro Formiggini.

...
LATERZA – Per solito sono i padri che fondano le case editrici che poi tramandano ai figli. Invece qui abbiamo Giovanni che nel 1901 crea in Bari un’azienda editrice in nome di suo padre e dei suoi fratelli. Sentendosi privo di costanza e di coraggio (lo dice lui!) scelse il motto: constanter et non trepide ed a furia di vederlo stampato su migliaia e migliaia di copertine e di frontespizi ha finito per sentirsi «costante ed ardito». E, in un quarto di secolo, di strada ne ha fatta! Giovanni ha un sacco di fratelli e un nuvolo di figli, cosí ci sono in famiglia varie aziende concentriche, intercomunicanti ma distinte: Editoria – Libreria – Tipografia – Cartoleria.
Nel suo studio, Giovanni ha una parete intera tappezzata con un ritrattone fotografico di Benedetto Croce, nume tutelare della casa, al quale egli potrebbe davvero accendere un miliardo di candele. C’è anche un ritratto di Gentile, ma molto piú piccolo. Quando Laterza viene a Roma, non manca mai di fermarsi a Napoli per salutare don Benedetto che gli offre da pranzo e da dormire. Alla mattina per il fresco, quando il filosofo dorme, Laterza se la svigna all’inglese, si rimette in treno e viene a Roma a far colazione da Giovanni Gentile. Della sua imparzialità fra i due augusti contendenti, Laterza molto si vanta: ma è certo che l’imparzialità gli è provvidenziale, se no andrebbe a farsi benedire il pranzo o la colazione.
Laterza ha degli aforismi caustici, per esempio: «L’Editore deve applicare la massima: ognuno per sé e
Dio per tutti».
E quest’altro: «L’Editore deve guadagnare sempre: l’Editore che non guadagna è un fesso».

SALANI – Quando io ero ragazzo, per disprezzare un libro, si diceva edizioni «Salami», perché questa casa cominciò coi libercoli e le canzonette. Oggi lo stabilimento tipografico Salani è un modello ammirevole, ed ammirato e invidiato da tutti gli editori italiani.
La ditta fu fondata da Adriano nel 1862, gli succedette il figlio Ettore nel 1904 il quale è aiutato a sua volta da un suo bravo figliuolo: Mario. Il fenomeno Salani è unico al mondo; è basato su questi princípi: perfezione grafica, prezzi minimi, irrisori, sí da poter contare su tirature sesquipedali.
Non un soldo di debito, non un soldo di credito. Dicono che quando gli arriva una nuova macchina o un vagone di carta, Salani faccia aspettare i facchini sulla strada, e non lasci entrare la merce se non ha prima fatto un vaglia per pagarla. E si favoleggia che parecchi anni fa la U.T.E.T. avesse occasione di ordinare un libro al Salani, il quale avrebbe scritto: «Illustri colleghi, io vendo solo a contanti, ma trattandosi di una casa come la vostra, per deferenza specialissima, spedisco contro assegno». (Se non è vera è ben trovata).
Il solo che se la rida della crisi del libro è proprio Salani: l’Oceano è solcato ogni giorno da migliaia di piroscafi, rigurgitanti di sue edizioni. L’editore fiorentino afferma che non è vero che il popolo non ami la lettura, e racconta che un giorno ebbe un telegramma di un tale che, per carità, lo supplicava di mandargli il seguito di un romanzo che stava uscendo a dispense, perché una moribonda temeva di non fare in tempo a leggere la conclusione. Salani, impietosito, tirò al torchio le pagine non ancora stampate, ed ebbe poi una lettera di ringraziamento: la povera malata era stata esaudita,
ed aveva detto: «Ora posso morire contenta».
Ed era morta.

Download ePub

Autore: Angelo Formiggini
Editore: CastelloVolante|Mur
isbn: 978-88-6399-050-8
0.00Price: